Il Territorio

L'interesse paesaggistico del territorio di Puglia

Protected by Verisgn

 

Dopo essersi floridamente espresso nei rilievi dei Monti Dauni e del Gargano a nord, il territorio di Puglia offre altre due zone di rilevante interesse paesaggistico, nonostante la natura piuttosto omogenea della sua parte meridionale: la Murgia, famosa per essere puntellata dai caratteristici trulli, e il Salento.

Con il nome di Murgia (o Murge) si indica quel territorio di Puglia costituito da un altopiano carsico compreso tra l'Adriatico, il fiume Ofanto e la soglia messapica che congiunge Taranto e Brindisi. Tale appellativo č perà˛ specifico per la parte pių elevata, dove emergono spesso calcari, pietre e rocce del Cretaceo: il termine "murge", infatti, rimanda al significato letterale di pietra e non č un caso se questa zona fu identificata come la "Puglia petrosa". I territori pių bassi della Murgia si differenziano per la presenza di un terreno argilloso detto localmente "bolo" o terra rossa e per una vegetazione pių rigogliosa.

Il Salento per la sua conformazione differisce molto dal restante territorio di Puglia; notevoli i paesaggi della zona, resi caratteristici dai diversi tipi di terreni agrari (terre rosse, terre brune e terre da pietra leccese) e da colture specializzate come l'ulivo, la vite e il mandorlo. Le coste del Salento, lambite da acque tra le pių belle d'Italia, presentano numerose e affascinanti grotte che in alcuni casi precipitano a mare regalando una vista suggestiva ed emozionante.